lunedì 29 marzo 2010

Pasqua Eco Trail : Tartufo Eco Trail. 3 Aprile 2010 + Monteisi Eco Trail. 5 Aprile 2010

Sabato 3 e lunedì 5 aprile nel borgo delle Crete Senesi si svolgerà “Pasqua Eco Trail”, manifestazione sportiva organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni sportive e culturali di San Giovanni D’Asso e Montisi.

La competizione - Due le gare in programma su percorsi di 18 km ciascuna quasi interamente su strade bianche, sterrate e sentieri. Al via sabato 3 aprile alle 15 con “Tartufo Eco Trail” a San Giovanni d’Asso partendo dal Castello Medioevale e, in serata, tutti al pasta party organizzato dalla Pro Loco di San Giovanni D’Asso (ore 20). Lunedì 5 aprile, invece, appuntamento a Montisi dove alle 9 partirà “Monte Isi Eco Trail” davanti alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Al termine della gara per tutti i partecipanti “grigliata dell’Angelo” lungo le vie del borgo (ore 12,30). Su entrambi i percorsi sarà possibile rifornirsi di sola acqua nei tre punti di rifornimenti dislocati sul territorio e i partecipanti non dovranno lasciare alcun tipo di rifiuto nell’ambiente ma solo negli appositi cestini, pena la squalifica dalla gara stessa.
Per i non sportivi, ad entrambe le gare sarà abbinata un a “Eco Passeggiata” ludico-motoria di 5 km aperta a tutti.

I premi: tartufo e olio – I prodotti principi del territorio andranno in premio ai primi 3 classificati nella categoria “uomini” e nella categoria “donne”. A San Giovanni d’Asso i vincitori riceveranno il pregiato e profumato Tartufo Marzuolo, mentre a Montisi sarà l’olio extravergine d’oliva la meritata ricompensa per i corridori arrivati primi al traguardo. La volontà di diffondere una maggiore sensibilità al verde pubblico e ai paesaggi che caratterizzano le Crete Senesi tra gli sportivi e non solo e la valorizzazione delle ricchezze agroalimentari del territorio faranno da cornice alla manifestazione pensata per regalare agli amanti dello sport e ai turisti svago e divertimento all’aria aperta.

Modalità d'iscrizione - La quota d’iscrizione è di 8 euro per la gara singola, 15 euro per entrambe le competizioni. Il termine ultimo per iscriversi è il 31 marzo. Dopo tale data il costo della quota di partecipazione sarà di 10 euro per la singola competizione, 18 euro per la combinata.


Per informazioni sulla gara e iscrizioni 338 7417040 roama57@alice.it











domenica 28 marzo 2010

T.A. Delle Palme, Carmingnano (PO), 28 Marzo 2010

http://www.everytrail.com/view_trip.php?trip_id=548277&code=766742ac084811905387809aac7f8949

Ieri sera ero intenzionato, per stamattina, di andare a Lari, per correre la Lariverdelonga, di 25 km. Un paesino incantevole, in un paesaggio tipico della campagna toscana. Ma poi ho ricevuto una "contropoposta" invitante: un corsetta tra pochi intimi, nella campagna di Carmignano.
E' nato così il Trail Autogestito delle Palme, percorso improvvisato, in ottima compagnia, con Fede, Chiarosub (Marco Michelini), appena ritornato dai deserti di Dubai, e il Kappadocio, padrone di casa, a guidarci per la campagna. In tutto una chiundicina di km; una partenza pesante, con la colazione ancora galleggiante nello stomaco, mentre salivamo una bella "rampa" non-corribile, prima di iniziare a scaldarmi un po, e poi entrare in un bel singletrack, dove mi sono divertito tanto a correre saltellando tra sassi e radici affioranti, schivando la vegetazione. Abbiamo incrociato anche un tratto dove a dicembre scorso siamo passati con la neve durante il Trail del Montalbano. Amo questi tipi di percorsi, di sali-scandi agili, in cui si corre sempre. Che bella mattinata! :)

http://picasaweb.google.it/CorriGaggioCorri/TADellPalmeCarmignano28Marzo2010#




E sono soddisfatto del mio stato;già domenica scorsa mi sentivo le gambe sciolte, ma proprio quando potevo cominciare a correre, mi ero ritirato, perchè in quelle condizioni meteo e del percorso non mi divertivo proprio, anzi, avevo troppi pensieri, troppe preoccupazioni, per me e per gli altri. Oggi, anzi, l'accapare del sole tra le nuvole ci ha fatto sudare anche troppo! :) Le gambe , dopo i soliti 4-5 chilometri di riscaldamento, hanno finalmente iniziato a girare bene, e in coincidenza col tratto del percorso sempre corribile.





domenica 21 marzo 2010

Trail Santa Croce, Bogliasco 21/03/2010



E che belin!
Aspettavo con speranza che questo fine settimana le condizioni meteo ci potessero concedere una bella giornata che ci avrebbe permesso di godere delle belle panoramiche che ho potuto solo immaginare dai racconti dei runner del luogo... "la, dietro la nebbia..."
Un vero peccato, belin. Perchè il weekend era iniziato bene, sabato ... si fa per dire, belin .. a parte qualche dettaglio che ci ha rallentati per strada... Io e Fede siamo arrivati a Bogliasco dopo la consegna dei pettorali, dopo il briefing... praticamente siamo arrivati direttamente a cena, al ristorante "La Risacca", dove ci aveva prenotato la sera prima Alex Braccio, uno degli organizzatori dell'evento, che si è unito con noi, insieme a sua moglie; c'erano Emilio e consorte, Andrea, il Kappadocio e la Cris. Abbiamo mangiato veramente bene, tutto a base di pesce. E tutti quanti ci siamo congedati col pensiero al giorno dopo, nella speranza che il tempo, se non fosse migliorato, almeno fosse rimasto stabile... Belin
E invece no, belin. Dopo un settimana di bel tempo, la Primavera ci ha portati un mattino di pioggia. Il che non sarebbe poi stato così negativo. Il problema era il vento... Il mare, sotto via Mazzini, al momento della partenza, era mosso. Quelli del luogo ci hanno avvisato che salendo, avremmo trovato condizioni peggiori... E cos' la gara è iniziata, belin, e abbiamo affrontato la scalinata iniziale, un bello e caratteristico tratto di "ingegneria" umana, duretta da affrontare, come duro è poi stato proseguire su sentiero di pota (fango) fino al 5 km, dove abbiamo raggiunto il picco 800metri del dislivello. Niente male. Belin, quel che c'era di peggio non era tanto la pendenza, ma la pioggia, che a volte arrivava da sotto, portata da forte vento ascendente... e poi, sul crinale, un forte vento laterale ci schiaffeggiava, bagnatissimi, raggelandoci... tant'è che ormai prossimo al primo ristoro dopo il 5chilometro, dopo un'ora e venti di cammino (perchè sarò riuscito a correre si è no solo un centinaio di metri..) pensavo che non era più il caso di proseguire in un percorso che non mi stava regalando alcun piacere, ma solo preoccupazioni... e non ero il solo che stava prendendo in considerazione la possibilità dell'abbandono... E poi, quando al ristoro, con le mani gelide, non riuscivo a percepire il contatto del bicchiere di te offertomi dai quei gentilissimi signori, non ho avuto alcun dubbio. In diversi abbiamo esternato la volontà di abbandonare. e la richiesta di un passaggio per portarci a l punto di arrivo; in attesa della navetta ci siamo rifugiati all'interno della vettura dell'unità di soccorso a riscaldarci un pò, tremando, in cinque, stretti sul sedile posteriore...E da li potevamo ascoltare i messaggi radio che si passavano quelli dell'organizzazione con quelli delle unità di sicurezza... Qualcuno era caduto, fratturandosi un dito... Le condizioni meteo peggioravano, tant'è che l'organizzazion ha deciso di accorciare il percorso del trail tagliando sul percorso del cammino.
Decisione saggia, quella di preservare la sicurezza dei trailer, di cui gli va fatto un gran merito ai responsabili dell'organizzazione, che a lungo aveva curato tutti i dettagli del percorso, nei mesi precedenti, dedicandovi gran parte del proprio tempo, delle proprie energie. Alex, Antonio Fregola. Conte Ugolino, Trailmaker e mi scusino quelli che dimentico: da veri trailer, si sono preoccupati del nostro benessere.
Non mancherò, di certo, il prossimo anno.


P.S: Grazie ad Ubertino Alberto, un membro di ASD Spirito Trail conosciuto pochi giorni prima su Facebook, che mi ha fatto dono di una bandana proteggi collo (zona tanto importante per me, in quanto mio tallone di Achille).
Spirito Trail!!!

Cristina Murgia, Simone Brogioni, Me, Alessio "kappadocio" Parauda








lunedì 15 marzo 2010

domenica 14 marzo 2010

Scarpinata sulle colline pratesi - 14 Marzo 2010

Web Album della mattinata:
http://picasaweb.google.it/CorriGaggioCorri/ScarpiantaCollinePratesi14Marzo2010#


Doveva essere una mattinata di riposo, ma con questo primo sole primaverile che si affacciava presto sulla piana, non ho resistito, e ho optato di uscire per una gara su strada in zona, denominata "Scarpinate sulle colline pratesi", con la speranza di poter percorrere strade  che attraversassero le colline. Mi sorgeva un dubbio: quali strade in zona attraversano le colline? fuoristrada,semma..  E buon tratto del percorso, infatti, si snodava sui i sentieri che da Galceti portano a Figline  fino al vecchio Cicognini e di nuovo giù. E c'era pure  po di fango!
Per cui, tra il recarmi al ritrovo da casa, che son almeno 5km, poi i 14 kn del percorso, e di nuovo altri 5 km per ritornare a casa, ho messo nelle gambe  2 ore di corsa tranquilla, per poi andare in palestra a fare mezz'ora di cyclette,  alternando 1 min a 120rpm a 1 min a 80. E infine la sauna...
Un bell'allenamento!



















venerdì 12 marzo 2010

Autunno in Toscana

Tutti non aspettano altro che questo freddo inverno passi, per dare il benvenuto al sole primaverile. Ed anch'io, certo. Ma c'è qualcosa che mi affascina ancora di più, in questa terra Toscana: l'autunno.  Con tutti i suoi colori e i suoi sapori, riesce a riscaldarmi l'anima.


















sabato 6 marzo 2010

T.A. TicciEmme 2Edizione, Colli Euganei, 06/03/2010

Ed eccomi di ritorno da un'altra tappa di quest'anno di "TrailTourism", la mia priva volta sui Colli Euganei, per la seconda edizione del Trail Autogestito "TicciEmme", dal nome dei due organizzatori, appunto; si tratta di un "prologo" alla Traversata dei Colli Euganei, che si terrà sempre qui il prossimo 11 Aprile.
Viaggio in compagnia di Fede, con ritrovo e partenza alle 5:50am.  Una splendida alba ci ha salutato una volta oltrepassato l'appennino innevato. Una volta a Padova ci siamo ritrovati in un banco di nebbia, che per fortuna ben presto ci siamo lasciati dietro, avvicinandoci ai Colli Euganei, dei colli molto particolari: spuntavano dalla pianura come coni, senza costituire una vera e propria "catena" montuosa. Quasi costituissero un insieme di isole di un arcipelago tropicale. Molto partiolare.
Quindi siamo arrivati giusto in tempo a Villa di Teolo, in mezzo a una sessantina di "trailers".




E quindi via pe una ventina di chilometri, correndo e camminando, che ci ha visto attraversare vigneti, arrampicarci aiutati dalle catene lungo sentieri rocciosi e impervi, attraversare torrenti montani. Non abbiamo scalato vette esagerate, giusto il sentiero della madonna ci ha portati ad un altitudine di circa 520m, ma abbiamo affrontato diverse impervie salite.














E' stato un buon allenamento, in una giornata che meglio non poteva essercene, assolata e senza vento. E in buona compagnia.

E poi il terzo tempo... tre tavolate piene di vassoi di insalate di riso, pizza, torte di vario tipo fatte in case (che buone!), tanti affettati, tanta birra e tanto vinello ... 
Fede ed Io,  unici veri forestieri della giornata, abbiamo servito tipiche specialità toscana, servendo un di Sorpassata e uno di Finocchiona, che hanno trovato molti estimatori; e poi la classica "rifinizione" pratese: biscotti di prato e vin santo!