martedì 5 gennaio 2010

Enrico Bartolini sullo Spirito Trail , e sul Rhum & Coca alla Marathon Trail del Montalbano

Pubblico questo bel post di Bartolini Enrico , dal Forum di Spirito Trail











34 commenti:

  1. federico corbinelli5 gennaio 2010 12:02

    mi è molto dispiaciuto nn aver fatto la tappa della mattina...cavolo!!!

    mi spieghi una cosa, ma la maglietta dell'evento quando l'hanno data, all'iscrizione io non ho avuto niente..anzi devo dire che il pacco gara è stato davvero scarso, io non avevo nemmeno il buono per mangiare!!!

    a proposito d'abbigliamento, con questi saldi che stanno per arrivare,te da chi ti servi?? il Campione li fa li sconti??
    conosci negozi nella zona specializzati in trail?? tipo obbiettivo montagna a Firenze, ci sei mai stato??

    cmq adesso ti aggiung su FB ;)

    RispondiElimina
  2. la maglietta l'hanno data all'arrivo della seconda tappa; il pacco gara è stato una confezione di panettone con bottiglia di spumante, e il pranzo è stato gratis!!!
    io per il materiale invernale mi sono servito dal negozio "42" a Prato, che vende scarpe Asics-Saucony-Mizuno-Adidas e abbigliamento a prezzi inferiori di quelli da grande catena, e ha capi della Pearl Izumi e della Craft, praticamente l'unico; e dal Sieni a Firenze mi servo per l'abbigliamento più da montagna, della Ferrino, che fa capi di alta qualità, e scarpe trail de La Sportiva, che sono veramente ottime, tant'è che più in qua me ne compro un paio.
    Il materiale leggero-estivo, prevalentemente Adidas o Under Armour, lo compro su internet, http://www.startfitness.co.uk/
    http://www.snowlines.co.uk/
    http://www.nice2tri.com

    Non vado mai dal Campione, e negozi specializzati in trail non ce ne sono.. per questo mi sono dovuto fare una "cultura" su internet.
    La cultura del trail in Toscana è una cosa per Pionieri, mentre al Nord, zona Alpi... Quando a Cuneo trovai per caso un negozio specializzato, non credevo ai miei occhi...
    Sono molto più preparati, e anche tutte le strutture di montagna, i rifugi e i sentieri, sono tenuti meglio che qui. A giugno ogni fine settimana andrò nel Piemonte per partecipare a diverse skyrace. Tra poco pubblicherò il mio programma, magari potrebbe interessarti qualche evento, si potrebbe andare assieme.

    RispondiElimina
  3. Ho visto dalle foto che correvi sulla neve con scarpe da strada.. Se devi comprare scarpe da trail, evita di acquistare Salomon, e cerca il corrispettivo trail della tua marca da strada, cerca di mantenere scarpa in cui calzi bene: se usi Mizuno Rider, allora la trail giusta è la Mizuno Cabrakan; se usi Precision, la Mizuno Harrier; se usi Mizuno per pronatore, le Ascend. Asics Trabuco se usi Asics Kayano o serie Gt, Asics Attack se usi Speedstar, Stratus o Cumulus. Saucony Xodus per appoggio neutro, Progrid per pronatore; Brooks Cascadia per neutro, Adrenaline Gt per pronatore. In zona prato firenze puoi trovare Mizuno Ascend e Brooks Cascadia nei negozi un po più specializzati, gli altri modelli sono quasi introvabili... Il "42" è il negozio dove se non ce l'ha in esposizione, te le porta.

    RispondiElimina
  4. federico corbinelli5 gennaio 2010 18:47

    Boia, sei ULTRA specializzato grazie dei preziosi consigli!!!

    RispondiElimina
  5. federico corbinelli8 gennaio 2010 18:20

    ciao gaggio, ho comprato le salomon xa pro 3d ultra, che ne pensi?? perchè mi sconsigliavi la marca salomon???

    RispondiElimina
  6. Sono le scarpe più vendute per il trail, alta qualità dei materiali, sono molto protettive, adatte ai lunghi e ai terreni rocciosi; ma a me, e a molti altri runners, non piacciono perchè troppo "a scarpone".

    Karl Meltzer, Tony Kupricka, Kyle Scagg, Tony Jurek, Marco Olmo: i più grandi ultratrailer del mondo, non usano le Salomon, ma La sportiva, New Balance, Brooks, Mizuno. I campioni italiani e mondiali di Skyrace, che sono gare trail non superiori ai 30km, gare molto molto veloci, usano per lo più scarpe de La Sportiva, o Inov8.

    L'unico grande che usa Salomon è Killian Jornet Burgada, ma il modello che usa lui è speciale, (http://www.salomon.com/it/#/footwear/footwear/trail-running/speedcross-2) assomiglia molto alle Crosslite, che alle classiche salomon.

    Io, che uso Asics Attack e Brooks Cascadia, le rigettai immediatamente quando le provai. Anche il Kappadocio le comprò, pentendosene dopo la prima uscita.

    Le Salomon che hai tu pesano le bellezza di 390gr, mentre Asics e Mizuno sui 315gr. 50 grammi non sono pochi. Ti cambia il tipo di falcata, un peso del genere: mi capitò, la scorsa estate, di prendere le Adidas Gazelle, categoria A2 che pesano 280gr, e di correre solo con quelle per un paio di settimane. Quando riprovai a mettermi le Mizuno Wave Rider, categoria A3 e peso di circa 330gr, mi sembrava di avere gli zoccoli ai piedi.... non riuscivo a correre. Adesso, su strada, quando corro uso scarpe pesanti e super ammortizzate perchè in questo periodo corro per defaticamento dal lavoro di palestra. Anche in Valdorcia avevo scarpe da strada A3(che errore, non pensavo di trovare tutto quel fango..) , proprio perchè voleva essere una corsetta, più che un prova. Domenica perforsa scarpe trail. Sperando ci sia la neve!!!

    Poichè sono le tue prime scarpe trail, non avrai gli stessi problemi di adattamento.Perchè il discorso sta tutto qui: ADATTAMENTO.

    Proprio per via della capacità di trovare la scarpa giusta, di adattarsi a una scarpa, e che mi trovo così bene con le Asics Attack 4, ora che la Asics ha lanciato il nuovo modello, le Attack 6, con un nuovo battistrada che non mi piace, sto cercando di comprare diverse paia del vecchio modello per tenermele da parte ... Casomai in futuro mi prenderò le Crosslite, della Sportiva, che pesano di meno; ma questo quando sarò un corridore più veloce, e le userò solo per fare percorsi da una ventina di km.

    RispondiElimina
  7. Per GAGGIO. Sono nuovo del trail running e ho visto che consigliavi di tenersi sulla stessa marca passando dalle scarpe da strada a quelle trail. E con la misura come bisogno comportarsi? Io ad esempio ho delle Mizuno inspire 6, misura 44. Dovrei prendere delle Ascend o delle Cabrakan di taglia 44 o di una misura in più (come molti consigliano)? Grazie per i tuoi preziosi consigli.
    Stefano

    RispondiElimina
  8. Ciao Stefano, dunque le Ascend sono per chi ha appoggio pronatore; le Cabrakan, di cui ho letto un articolo di recensione sulla rivista Spirito Trail (ottima rivista, ti consiglio di abbonarti, e comunque intanto di leggere qualche vecchio numero del 2008 disponibile gratis in formato pdf al link http://www.spiritotrail.it/page.php?3)
    sono per chi ha appoggio neutro.
    Sono considerate scarpe eccellenti entrambe. Ma tecnicamente diverse.
    Se usi Inspire dovresti usare le Ascend. Se non ti trovi bene, poi, le rivendi anche bene su ebay.
    In toscana molti usano queste, sono buone , ma forse anche perchè in toscana c'è poca scelta, il trail deve ancora diffondersi, poca richiesta e quindi poca offerta. E inoltre molti trail in toscana si possono fare anche con scarpe da strada: ieri a Pietraporciana solo strade bianche, niente tratti rocciosi o fangosi...

    Per il numero attieniti al numero che usi per scarpe da strada. Comprare una scarpa di mezzo o un numero più grande può servire a chi deve correre molte ore trail, perchè dopo un certo tempo i piedi confiano.. ultimamente ho corso per 4he30 senza aver questo problema, ma sono arrivato a queste distanze gradualmente. Senza mai una vescica.
    Compare una scarpa più grande poi comporta una peggior tenuta del piede, che può essere dannosa durante i tratti di discesa, quando la scarpa deve tenere ben stretto il piede; e nella salita il piede a scivolare dentro a una scarpa più larga , e quindi favorire il formarsi di irritazioni e vesciche.
    Quindi uno potrebbe comprare una scarpa più grande, e metterci una soletta tecnica più spessa che le faccia calzare meglio, da sostituire con la soletta originale quando i piedi si gonfiano.
    Ma queste soluzioni sono per chi corre ore e ore e ore....
    E' molto importante anche il calzino, a volte spendere qualche euro in più ti solleva da tanti dolori.. E visto che ci sono, non posso non menzionare la sorpresa che mi hanno dato i calzini della Kalenji specifici per il trail running, con i quali sono andato avanti per quelle 4h30m: ottima qualità a poco prezzo.
    Buona corsa Stefano!

    RispondiElimina
  9. Gaggio, ti ringrazio moltissimo per la tempestiva risposta e i preziosi consigli.
    Già che ci sono, ho in prova (diciamo così, in realtà le ho comprate ma non ho ancora avuto modo di usarle...) delle Salomon XA 3d Ultra GTX (quelle in gore-tex). Ho visto che non sono tra le tue preferite...ma ormai era troppo tardi!!
    Il problema della misura me lo sono posto perché quando le ho comprate, una settimana fà, il negoziante mi ha fatto una testa così per questa storia del numero in più, dicendo che l'alluce non deve in nessun caso toccare la punta della scarpa.
    Nel numero che ho preso io questo non accade, se non quando spingo volutamente il piede in avanti, e anche in questo caso la pressione è minima. Spero di non avere problemi, ma sono sostanzialmente d'accordo con te nell'affermare che la scarpa più grande farebbe ballare il piede aumentando il rischio di vesciche.
    T farò sapere come mi ci trovo (sempre che la cosa possa essere di qualche interesse....!)
    Ciao

    RispondiElimina
  10. le Salomon... ripeto, sono scarpe di ottima qualità, validissime per percorsi alpini; non si tratta di essere le mie preferite: non potrei comunque portarle perchè sono per chi ha appoggio pronatore, io invece ho appoggio supinatore, sai che danni mi farei .... il mio non è un giudizio basato sulla mia esperienza, ma sulle opinioni di chi le ha provate. Ad esempio nella foto sul post di Pietraporciana, ci sono due miei amici, il Kappadocio e Fede,che sono molto più forti di me nella corsa: il primo le ha comprate, indossate una volta e ora le usa solo per andarci a camminare, mentre per correre usa le Ascend; l'altro ci corre, ma ancora per poco...comprerà Salomon, ma quelle leggere, le SpeedCross, più simili a scarpe tipo le Crosslite de La Sportiva, introvabili in toscana....

    Ciao :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Gaggio sono Michele,
    penso di averti visto tra la banda di Toscani a Fregona!
    Volevo un consiglio su un paio di scarpe per pronatore da trail. Io ho comprato le cascadia ed è un pezzo che corro con quelle, ho fatto gli sciamani quest'anno e altre corse (maddalene skymarathon, ventasso e tanti giri nei colli euganei) e non mi pare di avere problemi. Vedo però che la scarpa destra in particolare ha ceduto verso l'interno.
    Che scarpe potresti consigliarmi? Avevo tenuto d'occhio la speedcross della salomon e la mizuno ascend. Pensi possano andar bene? Hai altre soluzioni?
    ti ringrazio e scusa il disturbo

    RispondiElimina
  12. Ciao Michele, non ero a Fregona, putroppo non sono così preparato da permettermi due trail tosti nel giro di pochi giorni, e ho puntato a fare l'ultra "I pionieri del Gran Sasso" ...
    Da quanto mi dici, hai un bel po di km di trail nelle gambe, per cui devi capire come mai la Cascadia ha ceduto in quel punto: per quanto possiamo credere, non siamo perfettamente simmetrici e sul passo che adottiamo può incidere molto la postura della schiena e il movimento delle braccia.
    Una simmetria potrebbe essere "controllata" attraverso un plantare personalizzato.
    E queste non è una spesa da poco....

    RispondiElimina
  13. ....Negli ultimi tempi ho compreso che la distinzione in categorie pronatore-neutro-supinatore non è il parametro più corretto per scegliere la scarpa più adatta. Sono più propenso a utilizzare il criterio sul quale la INOV8 sviluppa le proprie scarpe :

    http://www.adventureinprogress.com/system/files/images/inov-8%20Shoc%20Zone.jpg

    Un buon test per capire il proprio "appoggio" è correre sulla sabbia del bagnsciuga per vedere la profondità de l'impronta lasciata, per capire dove si scarica di più il peso-forza. Se non si dispone di una spiaggia nelle vicinanze si fa il test del foglio di cartone, solo che invece di starci sopra con i piedi bagnadi, vi ci passa sopra correndo.

    Questo perchè? perchè se la caratteristica di pronazione è "fisica", e quindi immutabile, non è detto che invece lo sia l'appoggio: quando ho iniziato a correre, sovrappeso, senza tecnica di corsa, avevo un appoggio supinatorio e ,secondo quelle categorie della INOV8, del tipo "4frecce", tutto sul tallone. Migliorando le capacità fisiche, e comprendendo l'importanza dello "stile", aiutato anche dall'uso delle VibramFivefingers, ho migliorato parecchio in fase meccanica. Più magro, più atletico, più "bravo", adesso ho un appoggio del tipo "2 frecce". Modificando l'appoggio, ne consegue che la rullata non è più "completa", non appoggio più tutto il piede partendo dal tallone, quindi il mio diffetto non è più così' rilevante. Un tempo consumavo le scarpe da corsa sul lato esterno, partendo dal tallone fino alla zona del mignolo. Adesso il tallone non si consuma più... Un paio di Mizuno Rider che uso per camminare sono consumate solo sull'esterno del tallone, e , in generale, molto più consumate rispetto a un paio di Mizuno Precision, nonostante con queste abbia percorso almeno cinque volte la distanza percorsa con le Rider!!!!

    Ti posso dire , per esperienze altrui, visto che quelle che rammenti non sono scarpe che io avrei potuto indossare, che le Speedcross della Salomon sono ottime scarpe, molto leggere e hanno un ottimo grip, e sono adatte ad atleti che possono percorrere una trail di 40km in un tempo sotto le 5 ore. Le Mizuno Ascend sono un po meno estreme, hanno un supporto pronazione più marcato, e tuttavia sono più ammortizzanti,visto l'intersuola più spessa e morbida, ma hanno meno grip in condizioni di fondo bagnato.

    Una completa guida alle scarpe da trail la trovi a questo indirizzo

    http://web.mac.com/trailmagazin/TRAIL_Magazin/Willkommen.html

    E' in tedesco, nelle tabelle riepilogative le voci corrispondono a :
    Ammortizzazione
    Grip sul pietrisco
    Grip sul nevischio
    Grip sul terriccio
    Grip sulla roccia
    Stabilità
    Protezione
    Allacciatura

    Buon divertimento!

    RispondiElimina
  14. Peccato che manchino le mie preferite: Helly Hansen Trail Lizard.... comprate su internet per pochi euro, ci ho corso i Pionieri e ne sono uscito con i piedi freschi, affatto stanchi o doloranti, nonostante siano legerissime, poco ammortizzanti, abbiano un intersuola "fine" (del tipo inov "2frecce"), e il fondo dei Pionieri, per 40 dei suoi 56km, sia sentiero "pietroso"... sassi sassi sassi ...

    RispondiElimina
  15. Grazie Gaggio per la risposta! In effetti non è molto che corro (ho 24 anni) ma nei trail di 40 km sono sempre stato sotto le 5 ore (anche se i tempi non mi interessano). Volevo capire se le speedcross sono adatte anche per pronatori o meno e per uno che pesa 75-76 kg. Oppure che scarpe mi consiglieresti tra le tante?
    Granzie ancora (anche del link)
    michele

    RispondiElimina
  16. Ciao Gaggio.
    Ni sto avvicinando alle ultratrail ma sono in difficoltà con le scarpe. Su strada uso le cumulus dell'asics. Vorrei trovare una scarpa trail che mi consente di fare anche un bel pò di asfalto, visto che i miei sentieri sono a 7-8 km di distanza da casa, poi, sinceramente se mi alleno per un ultratrail non mi va di cambiare scarpa, anche perchè come ben sai negli allenamenti ultra quando meno cambi fai meglio è.
    Grazie a presto.

    RispondiElimina
  17. Dimenticavo una cosa: dipende anche dal tipo di trail/ultra che fai: le traversate desertiche, o percorsi come i Pionieri del Gran Sasso (che vedi sullo sfondo) , oppure l'abbots Way, in cui ci sono diversi chilometri di asfalto, col tempo asciutto si possono fare benissimo con scarpe da "strada": Marco Olmo fa trail con le Mizuno Phantom o le Precision... Io stesso, con tempo asciutto, uso le Asics Speedstar. Naturalmente queste scarpe dureranno di meno...

    RispondiElimina
  18. Ciao Gaggio, grazie per la tua disponibilità
    Cosa ne pensi delle Nimbus? Sono più protettive delle cumulus.
    Hai notizie dell'ultima nata trail in casa asics? UPTERRA TRAIL.
    Ciao a presto.
    Andrea

    RispondiElimina
  19. Scusami Gaggia
    Ho visto un altro grande prodotto della The north face, il modello è SINGLE TRACK,l'azienda dice che è adatta anche su strada,nata per fare anche asfalto. Se hai notizie fammi sapere.Grazie ancora
    Andrea

    RispondiElimina
  20. Ciao ,per quanto riguarda le TNF Single Track ti posso dire che le ho viste ai piedi di Giuliano Cavallo, uno che corre forte, 1 al Trail Valdigne, 2° al Cervino X Trail. Di sicuro, se non fossero comode o/e affidabili, non otterrebbe certe prestazioni.
    Le Nimbus sono ottime, hanno più ammortizzazione delle Cumulus, ma sono più pesanti, adatte a chi va a più di 5min al km... inoltre c'è una sostanziale differenza: le Numbus sono adatte anche a chi ha appoggio supinatorio, mentre le Cumulus sono per chi ha appoggio neutro. Le Asics UPTERRA le ho provate, sono la versione neutra delle TRABUCO, e, come queste, seppur ammortizzanti, sono molto rigide di intersuola, soprattutto sull'avampiede, non permettono una naturale rullata nella corsa veloce su strada. Sono comunque scarpe pesanti...

    RispondiElimina
  21. Ciao,L'unico problema è dove trovare le Single Track. Non è facile, in Italia non si trovano facilmente.
    Grazie Gaggio
    Andrea

    RispondiElimina
  22. CIAO GAGGIO HO COMPRATO PROPRIO OGGI UN PAIO DI MIZUNO WAVE FORTIS PER CORRERE Sù ASFALTO ED UN PAIO DI CABRAKAN PER CORRERE Sù STERRATO IO VIVO ALLE PENDICI DEL VULCANO ETNA QUINDI SABBIA E PIETRE TAGLIENTI.SONO SUPINATORE E PESO 76 KG PER 178 CM .CHE DICI HO ESAGERATO PER ESSERE INOLTRE UN PRINCIPIANTE I MIEI TRAIL SONO DI UN MASSIMO DI UN ORA E QUARANTA?
    GRAZIE SEMPRE
    ANDREA

    RispondiElimina
  23. Ciao, allora una scarpa che ti andrebbe bene, per sopportare le pietre, sarebbero le HOKA ONE ONE. Assorbono a meraviglia tutte le asperità. Ma costano parecchio e sono difficili da trovare .. Le scarpe che hai acquistato sono un buon acquisto, e le Cabrakan un buon compromesso per tutti i tipi di terreno. Però che bello deve essere da quelle parti! Perchè dici di aver esagerato? Corri fin che puoi, cammina fino alla fine, goditi il paesaggio. Questo è trail. Ciao

    RispondiElimina
  24. Ciao,grazie per le parole di incoraggiamento,il trail è libertà con le tue gambe e il tiuo cuore che battono in mezzo alla natura pura estasi,sè ti capita di scendere giù contattami con piacere per qualche corsa.
    grazie
    andrea

    RispondiElimina
  25. Ciao Gaggio,
    non ci conosciamo. Sono Ivan e digitando su google sono capitato sul tuo blog. Le notizie che hai dato sulle scarpe sono interessanti e da vero esperto. Volevo chiederti un consiglio: due miei amici mi hanno coinvolto in una pazzia e mi sono iscritto alla Marathon des Sables!! Ti premetto che finora ho solo corso su strada (raramente mi sono allenato su sterrati), ho chiuso 13 maratone (tempi 3.20/3.30) e tante mezze. La preparazione che sto portando avanti con zaino da 9 kg l'ho fatta sempre con le scarpe da strada (anche quando mi sono allenato sulla sabbia). Solo in due occasioni ho usato delle mizuno da trail acquistate circa 4 anni fa e poco utilizzate, ma non mi sono trovato assolutamente bene. i primi allenamenti e le prime maratone le ho corse con le Asics (Ds Trainer per le maratone e cumulus per gli allenamenti); dallo scorso anno, invece, ho ai piedi le Nike Lunarglide con le quali mi sto trovando veramente bene. Mi potresti dare un consiglio su quali scarpe utilizzare nel deserto? (se dovessi seguire i consigli che hai dato ad altri dovrei utilizzare le nike air pegasus plus 27? ne hai mai sentito parlare?? o forse sono meglio le asics attack??) Spero di ricevere presto il tuo prezioso consiglio. Dimenticavo ... se può essere utile nel suggerimento che mi darai: sono alto 1.82 e peso 72 kg). Grazie. Ivan (ivan.chiaramonte@gmail.com)

    RispondiElimina
  26. Ciao Ivan, che belle queste pazzie! comunque, da come mi hanno raccontato, il terreno che troverai è costituito da fondo sabbioso o da secco e compatto arenile, cosparso di sassi. Le scarpe da trail qui non fanno la differenza. Piuttosto conviene correre con scarpe comode, ai quali si è abituati, e con calzini di qualità, da cambiare tutti i giorni: non potendoli lavare, il sale del sudore si secca e può contribuire a irritare il piede, e generare vesciche, il grande problema da evitare, magari protandosi dietro creme idratanti e olii rigeneranti da usare prima e dopo la corsa. Fondamenentali le ghette, e la vasellina, tra le gambe e sotto le braccia zona ascelle. E non farsi prendere troppo dal senso della sete, che può portare a bere troppo e ritrovarsi "ingolfati". Per il resto, le gambe ce le hai, e buone, e se riesci a evitare quei fastidi cutanei, te la spasserai. Ciao

    RispondiElimina
  27. Ciao Gaggio,
    grazie per gli ottimi consigli. Ti farò sapere al rientro.
    Buona giornata e ottimi allenamenti.
    Ivan

    RispondiElimina
  28. Ciao caro Gaggio
    Che dici se uso per il trail le speedstar 5? Ho letto che ti sei trovato bene. Io da anni uso le cumulus su strada ma è da un pò di tempo che le trovo poco stabili. Quidi vorrei usare la speedstar per entrambi le cose.
    Andrea

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  30. . ho fatto un giretto per un negozio di scarpe, e mi son reso conto che continuano ad aumentare l'altezza dell'intersuola.. naturalmente, su una scarpa "tradizionale", non potendo allargare la pianta, è chiaro che la scarpa diventi instabile... le Hoka One One, appunto perchè progettate con pianta larga, non soffrono di quel problema.
    Una scarpa come la Speedstar (io ho il medello 2) è dotata di un intersuola molto morbida, persino più morbida di quella delle Hoka; assorbe benissimo le asperità, e , rimanendo bassa d'intersuola, è anche elastica, e permette quindi di sfruttare la normale capacità ammortizzante del piede. Risulta quindi molto reattiv, nonchè leggera. L'unico aspetto negativo è che la tomaia, progettata per uso stradale, con mesh a maglia larga adatta alla traspirazione, risulta deboluccia per lo stress dovuto alla corsa su sentiero, per cui è facile che il mesh inizi a sfilacciarsi e strapparsi nella zona interna dell'incavo del piede...Insomma, invece che durarti quei 600-700km ad uso "normale", ci sta che verso i 400 già la devi buttare via... Insomma, la Speedstar è ottima da usare, ma tieni in conto che poi ti tocca ricomprarle più spesso. E mi raccomando: evita terreni con rocce bagnate... Gaggio

    RispondiElimina
  31. Grazie per i tuo grandi consigli. Un'altra scarpa che ho provata è la salomon xr crossmax, bella ma non balla, anche perchè è un pò più bassa della cumulus e quindi quando mi tocca fare della strada per raggiungere un sentiero,non mi trovo a mio aggio. Mentre la grande sorpresa è stata l'asics upterra, su strada e su sterrato vanno da Dio.Forse in discesa più tecnica non sono stabili come le salomon crossmax ma nel complesso comodissima ovunque. Pensa che le ho acquistate entrambi e provate ma purtroppo per l'ennesima volta devo dire che la salomon non fà scarpe adatte a me. Cosa ne pensi? E'MAI POSSIBILE?
    Andrea

    RispondiElimina
  32. Le Salomon osono scarpe da montagna, pura montagna, indistruttibili, protettive. La calzata, o ti piace subito, o la odi (ed io sono tra questi). Io le trovo troppo rigide d'intersuola. Mentre le Asics Upterra ,comode, ammortizzanti, sono la versione neutra della Trabuco, e non mi meraviglia che ti siano piaciute. Sono i modelli più apprezzat, si adattano a tutti i cambi di fondo. Per il prossimo acquisto, ti consiglierei di provare qualche modello de LA SPORTIVA: io ne avevo un paio mi sono trovato bene, ora sono usciti modelli nuovi con un intersuola particolare, mi intrigano parecchio. Oppure, i modelli della Montrail: l'ultima che mi hanno regalato, mi ci sono trovato benissimo, ci ho corso l'Abbots Way senza soffrire, anzi, dopo 125km , i piedi erano ancora freschi!!!

    RispondiElimina
  33. ciao Gaggio,volevo sapere il tuo parere sulle nuove scarpe della Lasportiva:Quantum e Electron.Credi che le electron gtx sostituiranno le Raptor gtx o le consideri prodotti totalmente differenti?Grazie per la cortesia da te sempre riscontrata.

    RispondiElimina
  34. Ciao, putroppo nessun rivenditore nei paraggi ha queste scarpe, quindi non ho opinione diretta in merito, non posso far altro che indirizzarti al sito http://www.distanceplus.com/ dove puoi vedere i commenti di chi le sta utilizzando.

    RispondiElimina